Beefeater Gin

di drinKing


Un po’ di storia…

1820: La famiglia Taylor apre la distilleria di Chelsea, in Cale Street. Questa diventerà la prima casa del gin Beefeater.

1863: James Borrough acquista la distilleria e applica le sue conoscenze di farmacista alle ricette utilizzate nella precedente gestione.

1876: Borrough comincia a produrre molti tipi di gin diversi. Tra questi c’è il Beefeater, che riscuote un immediato successo e diventa il marchio distintivo della distilleria.

1987: La famiglia Borrough vende l’azienda alla Whitbread che, nel 1991, la cede alla Allied Domecq.

1995: Desmond Payne, master distiller di fama mondiale, si unisce all’azienda portando ulteriore qualità e nuove ricette come il Beefeater 24.

2005: L’azienda entra a far parte del gruppo Pernod Ricard.

 

Desmond Payne, master distiller di Beefeater

 

Sapevi che…?

Beefeater Gin è considerato stile London Dry non soltanto dal punto di vista organolettico, ma anche per la sua forte connessione con la città di Londra e i guardiani della sua Torre (gli ”Yeoman Warders”). Ad ogni Natale, viene offerto loro un pezzo di manzo come gesto di gratitudine della famiglia reale, da cui il nome di “Beef-eater” (che letteralmente significa “mangiatore di manzo”). L’etichetta sulla bottiglia raffigura proprio una guardia inglese.

 

 

 

La gamma di Beefeater

 

Beefeater Dry (40%)

Con la stessa ricetta dal 1876, Beefeater London Dry è il gin più premiato al mondo.

Gli estratti botanici utilizzati per l’aromatizzazione dell’alcol di base sono nove e, tra questi, il più importante è senza dubbio il ginepro. Risultano evidenti poi i sentori della scorza di limone e di arancia amara di Siviglia.  I nove elementi vengono caricati nell’alambicco insieme all’alcol base, diluito a 50 gradi, e lasciati macerare per un periodo di 24 ore, prima di procedere con la distillazione che ne dura circa sette.

Tipo: London Dry Gin

Produzione: Macerazione di 24 ore

Olfatto: Forte presenza di ginepro e note di agrumi. Fresco e fruttato. Un aroma complesso ma bilanciato.

Palato: Sapore amaricante di ginepro in fondo alla lingua e finale lungo che richiama sentori di liquirizia.

 

 

Beefeater 24 (45%)

Beefeater 24 è frutto della creatività di uno dei più grandi distillatori al mondo, Desmond Payne, ispirato durante un viaggio in Giappone. Ordinando un Gin Tonic, Desmond scoprì suo malgrado che le acque toniche locali mancavano della nota amaricante a cui era abituato. Al contempo, notò che i Giapponesi mettevano il gin nel tè. Fu una folgorazione per Desmond, che impiegò 18 mesi a sviluppare la nuova ricetta. AI botanical del “classico” Beefeater, Desmond aggiunse il tè verde cinese e il tè Sencha giapponese; completò la ricetta con la scorza di pompelmo, tributo al Beefeater Crown Jewel.

Tipo: London Dry Gin

Produzione: Macerazione di 24 ore

Olfatto: Note fragranti degli agrumi, del ginepro e del tè Sencha. Crescendo di noti speziati.

Palato: Retrogusto di tè e di ginepro. Note fresche e decise. Gusto intenso e rotondo.

 

 

Beefeater London Garden (40%)

Col suo gusto aromatico rinfrescante ed erbaceo, Beefeater London Garden è perfetto sia per la miscelazione che per il classico Gin Tonic. Timo e limone verbena, raccolti nel più antico giardino botanico di Londra (Chelsea Physic Garden), danno un tocco unico a questo gin artigianale, a base di undici estratti botanici. Prima del 2019 era un'edizione limitata, acquistabile solo presso la distilleria Beefeater a Londra, oggi è stato lanciato in altri cinque Paesi.

Tipo: London Dry Gin

Produzione: Macerazione di 24 ore

Olfatto: note di pino, lavanda e limone, coriandolo fresco e aromi floreali. Fragranti sentori di luppolo, sedano, semi di angelica e legno.

Palato: Fresco, leggero e floreale. Le sensazioni fresche donate dagli agrumi sono inizialmente molto evidenti e rimangono presenti in tutto il palato.

  • #Partesa per gli spirits
  • #gin





    Altri Articoli