Trapizzino: quando la coda alla vaccinara diventa un successo globale

di drinKing


Condividi su

Quanti sono i format di street food esistenti? Beh, ci sono quelli legati al classico kebab, ci sono quelli che ruotano attorno ai piatti tipici regionali italiani, come gli arrosticini o quelli della cucina siciliana (arancini, panino con la “meusa” etc.). Poi ci sono quelli internazionali: i vari churrasco, pyto giros e il più classico hamburger ormai dalle infinite declinazioni.
Da diversi anni anche Roma ha il suo prodotto street food molto particolare, che ha già varcato anche i confini nazionali: il Trapizzino.

 

Cos’è il Trapizzino

 

Immaginate di prendere una pizza bianca quadrata, con un impasto di farine macinate a pietra, 00 e lievito madre, cotta normalmente in una teglia e poi raffreddata. Tagliate a metà la pizza in modo da ottenere due triangoli e metteteli nuovamente nel forno elettrico, in modo da conferire la giusta croccantezza.
Tagliate a metà il triangolo, in modo da creare una tasca e farcitelo con piatti tipici della cucina romana.
Ecco, avete d’avanti un Trapizzino.
Cosa potete trovarci dentro? La prima versione ad essere stata creata è stata quella con il pollo alla cacciatora, che ad oggi continua ad essere quella più venduta. Nel tempo si sono aggiunti molti altri gusti: da quello con la coda alla vaccinara, alle polpette al sugo, alla trippa alla romana, ma anche seppie con piselli, insalata di baccalà con peperoni arrosto, polpo al sugo, lingua in salsa verde.
Oggi le varianti sono 28 e molto probabilmente non è finita qui.

 

Ma chi può aver avuto un’idea cosi?

 

Stefano Callegari: pizza, amore e fantasia

 (Stefano Callegari e Paul Pansera: i due padri del Trapizzino)

 

Si chiama Stefano Callegari ed è uno chef romano di Testaccio. Il suo primo approccio con la pizza risale a quando aveva 22 anni e lavorava in uno storico forno nel quartiere Prati. Dietro il bancone a servire, ma anche fuori a consegnare in bicicletta pane e pizza bianca.
Così tra una sbirciata e tante domande inizia ad imparare come si fa una buona pasta di pane, per poi seguire qualche anno dopo un corso professionale.
A ventotto anni prende una piccola deviazione ed inizia a lavorare come steward per Alitalia e, nei 15 anni in cui presta servizio, gira tutto il mondo e fa esperienza mantenendo sempre viva la passione per la pizza.
Fino a quando nel 2005, finalmente, apre insieme ad alcuni amici la prima pizzeria: “Sforno” che si rivelerà da subito un successo e verrà seguita prima dalla pizzeria al taglio a Testaccio, dove nascerà il Trapizzino, e poi da un'altra pizzeria: “Tonda”.
Inizia così la storia di successo del prelibato triangolo farcito.


Paul Pansera ed il successo globale del Trapizzino

Il Trapizzino riscuote da subito un grandissimo successo. Forte di un ripieno succulento, che non risulta mai eccessivamente pesante grazie alla pizza bianca che lo accoglie, risulta assolutamente leggera e digeribile. Così al primo punto vendita, aperto nel 2008 a Testaccio, ne seguono altri prima a Roma poi fuori. Ma un prodotto del genere non poteva rimanere confinato ad una sola città né ad un solo paese.
E allora ecco che entra in gioco Paul Pansera, amico da una vita di Stefano, imprenditore e soprattutto innovatore. E’ suo infatti il merito di avere di avere introdotto nella ristorazione romana l’idea di un locale polifunzionale aperto tutto il giorno. Ovviamente ci ha messo poco a convincere Stefano ad esportare il triangolo farcito anche fuori dall’Italia.

Iniziano le partecipazioni agli eventi internazionali come il Queen Victoria Summer Night Market a Melbourne e, parallelamente alle nuove aperture nel territorio italiano, arrivano anche quelle internazionali, come quella di New York, che addirittura anticipa quella di Milano avvenuta lo scorso febbraio, seguita da una seconda apertura sempre a New York a marzo.

Cosa c’è nel futuro del Trapizzino? Probabilmente nuovi Paesi, nuovi clienti e nuovi gusti!

 

Ecco dove potete trovare il Trapizzino:

 

Roma
Ponte Milvio - Piazzale Ponte Milvio 13
Testaccio - Via Giovanni Branca, 88
Mercato Centrale Roma - Via Giovanni Giolitti, 36
Trastevere - Piazza Trilussa, 46
Piazza Risorgimento - Piazza Risorgimento presso BE.RE

 

Ladispoli
Piazza Della Vittoria 15

 

Milano
Via Marghera 12

 

Firenze
Mercato Centrale Firenze (I gigli) - via San Quirico 165 Campi Bisenzio (FI)
Mercato Centrale Firenze - Piazza del Mercato Centrale – Via dell’Ariento

 

New York
Trapizzino Lower East Side - Manhattan 144 Orchard St
Trapizzino Lexington - Urban Space Lexington 570

  • #Trapizzino
  • #street food





    Altri Articoli