#NatureForWater: Leggenda Millenaria di una Sorgente Nascosta

di drinKing

Il 22 Marzo di quest’anno è stata celebrata la Giornata Mondiale dell’Acqua, il concetto chiave di quest’anno era #NatureForWater: una campagna di sensibilizzazione all’utilizzo di risorse ecologiche per combattere gli sprechi che, in questi anni, stanno mettendo sempre più a rischio le condizioni del nostro pianeta. Per trasmettere questo messaggio così importante, oggi vogliamo parlarvi di un’acqua dalla storia singolare che di “green” non ha solo la bottiglia, ma anche la sua anima.

 

Fertilità e luce: un contesto inaspettato, conosciuto da secoli

A pochi chilometri da Bologna troviamo Cereglio, il cui nome, secondo la leggenda, deriva dall’unione di quelli della dea latina del raccolto Cerere ed Helios (dal greco: Sole), dio del Sole. Proprio qui, in questo contesto così unico, sgorga la sorgente Cerelia: un’acqua cristallina e salutare conosciuta sin dai tempi dei Romani, che ormai da più di 70 anni viene imbottigliata dall’omonima azienda e distribuita da Partesa. Oggi approfondiamo insieme la sua storia e le caratteristiche che hanno reso quest’acqua un marchio “green” ufficialmente riconosciuto a livello nazionale. 

 

70 anni di storia che continuano a scorrere

 

 

Inizialmente fondata nel 1947 dai fratelli Natalini, Acqua Cerelia venne acquistata nel 1970 da Adriano Rinaldi che insieme al figlio Ernesto e poi alla nipote Eugenia, ancora oggi continuano a diffondere in tutta Italia il nome di questa sorgente che, con lo stesso entusiasmo di allora,  non esitano a definire come “uno dei migliori prodotti sul mercato”.

 

La purezza di un’acqua salutare che rispetta l’ambiente

 

Dalle perfette condizioni in cui sgorga la sorgente, circondata da immensi boschi e situata a 700 metri sopra il livello del mare, Acqua Cerelia è in grado di acquisire caratteristiche uniche che le hanno fornito, insieme alla qualità della struttura produttiva, il primato italiano per l’ottenimento della registrazione di “Gestione Ambientale Verificata” (certificazione EMAS). Gli stabilimenti aziendali, in cui Cerelia incontra la sua caratteristica bottiglia in vetro, sono dotati di tecnologie innovative, caratterizzate da impianti a basso impatto ambientale alimentati da fonti rinnovabili al 100%.

L’origine della qualità di Cerelia non finisce qui: la sua composizione chimico/fisica infatti, rende quest’acqua una fonte diuretica e depurativa in grado di influenzare positivamente il benessere della vita quotidiana:

 

• È utilizzata e consigliata in pediatria per la preparazione di alimenti per neonati 

• Viene consigliata per diete povere di sodio 

• Facilita la diuresi

• La sua gradevolezza, l’assenza di odori e sapori ne esaltano le qualità a tavola in abbinamento con tutti i cibi

 

Tutte queste qualità rendono quest’acqua un prodotto unico nel suo genere, ecologico e salutare, già a partire dalla tenera età.

“L’acqua è la risorsa principale da cui dipende la nostra esistenza. L’obiettivo primario di Cerelia è quello di rispettare e proteggere questo bene.”

Questa è l’anima di Acqua Cerelia, della famiglia Rinaldi. Un messaggio tanto chiaro quanto pieno di significato, che da anni costituisce le fondamenta e il motore di un brand che continua a sgorgare verso il futuro.

  • #Cerelia
  • #salute

    Condividi su




    Altri Articoli